Crema di zucchine al profumo di basilico…e buone letture estive

Il premio Bancarella è un premio letterario, giunto ormai alla sua 59° edizione, che ogni anno si svolge a Pontremoli (in provincia di Massa) nel mese di luglio, la cui giuria è composta interamente da librai, riprendendo un’antica tradizione che vide, a partire dall’800, un gran numero di giovani pontremolesi, emigrare in giro per l’Italia, con gerle cariche di libri, per intraprendere il mestiere di librai ambulanti. Molti di loro fecero fortuna, alcuni aprirono delle librerie in giro per l’Italia, lasciando definitivamente la proprio terra di origine, altri continuarono il loro mestiere di ambulanti. Questa antica tradizione ha dato vita ad un importante premio letterario, che annovera, nell’albo d’oro, personaggi come Hemingway, Pasternak, Oriana Fallaci, Enzo Biagi, Umberto Eco.

Da qualche anno, collateralmente al tradizionale Bancarella, è stato istituito anche il Bancarella Cucina che premia , per l’appunto, un libro che tratta di argomenti culinari. Possono essere selezionati libri di ricette, saggi, romanzi, insomma la scelta spetta alla fantasia dei librai che determinano il libro vincitore. Quest’anno la premiazione si è svolta il 15 luglio e, come ogni anno, sono andata anche io a dare una sbirciatina per vedere la selezione di titoli ed assistere allo spoglio delle schede. Avevo già adocchiato uno dei libri che facevano parte della cinquina finale, che mi ispirava particolarmente, forse per il titolo intrigante, o forse per la foto in copertina dai colori caldi e morbidi, e stavo giusto andandolo a comprare quando è stato decretato come vincitore del premio.

Il libro si intitola “Il ristorante dell’amore ritrovato”, l’autrice, Ito Ogawa, classe 1973, è una famosa scrittrice giapponese di libri illustrati e di canzoni. Questo è il suo primo romanzo, che in Giappone ha già avuto un enorme successo e che in Italia è pubblicato dalla Casa Editrice Neri Pozza. Io l’ho letto tutto d’un fiato: dalle pagine di questo libro traspare un amore enorme per la cucina e per il cibo, pare quasi di sentire i profumi dei piatti cucinati dalla protagonista, sullo sfondo di un Giappone rurale, dove natura e tradizioni culinarie si fondono meravigliosamente  in una scrittura lieve e mai banale. Alla fine del libro, poi, si può trovare un utilissimo glossario di termini giapponesi, che spiega in termini semplici gli ingredienti e i piatti cucinati nel romanzo. Beh, io l’ho trovato delizioso e, per questo, mi permetto di consigliarvelo, potrebbe essere un’ottima lettura sotto l’ombrellone. Tra l’altro pare che l’autrice abbia aperto un blog di cucina sul suo sito, ma, purtroppo non sono riuscita a verificare, essendo solo in giapponese!

Ora vi lascio con questa ricetta, semplice e leggera…mi sono fatta ispirare dalla miracolosa “Zuppa je t’aime” che la protagonista del libro cucina per i suoi clienti!

Buon appetito e buona lettura :-)

CREMA DI ZUCCHINE AL PROFUMO DI BASILICO

– 400 g di zucchine

– 6/7 foglie di basilico fresco

– 1 scalogno

– olio extra-vergine di oliva

– 1 dado vegetale

 

 

 

 

Dosi per 2 persone.

Lavare le zucchine e spuntarle. In un tegame fare soffriggere lo scalogno con un filo d’olio; non appena lo scalogno è imbiondito, aggiungere le zucchine tagliate a tocchetti e fare rosolare per qualche minuto; dopodichè mettere dell’acqua, fino a coprire le verdure, aggiungere il dado vegetale e lasciare cuocere fino a che le zucchine non saranno del tutto ammorbidite (ci vorranno circa 20 minuti). A questo punto aggiungere il basilico e, con il minipimer, ridurre le verdure a crema. Nel caso, aggiustare di sale (ne servirà un pizzico, il dado basta già a salare il tutto), dare un’ultima frullatina e servire la crema fredda, accompagnata da dei crostini appena passati in forno.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

6 Comments

  1. una crema davvero invitante….mi piace molto il profumo e il sapore del basilico… chissà questa crema quanto ne sprigionerà!!! ;)

    Rispondi
  2. Che bello leggere post sui libri e soprattutto libri con argomento “cucina”… li adoro ….grazie per la condivisione della bella zuppetta!!!

    Rispondi
  3. Grazie del consiglio letterario, potrebbe essere il libro giusto per le vacanze! Lo cercherò…

    Rispondi
  4. Vado a cercare questo libro, mi hai fatto venire la curiosità ;)
    Mi piace molto questa crema, poi assolutamente di stagione. Ciao !:)

    Rispondi
  5. Io adoro letteralmente questo libro che ho “divorato” la scorsa estate… il “Lumachino” è il posto che vorrei fosse mio…. La ricetta d’ispirazione è tutta provare… complimenti per il tuo bel blog!! A presto. Deborah

    Rispondi
  6. Adoro le vellutate, anche nella versione fredda per l’estate :) Questa la farò di sicuro!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi