Focaccette

focaccette3

E alla fine l’autunno è arrivato, con la sua esplosione di colori caldi, la nebbiolina del mattino e le giornate sempre più corte. La novità è che finalmente ci siamo trasferiti nella casa nuova, ormai da un paio di settimane abbiamo definitivamente lasciato la vecchia casa, non senza un groppo alla gola (in quella casa siamo stati felici e sentirò davvero la mancanza della piccola mansardina con vista sui tetti), e ora stiamo cercando di imparare a conoscere questi nuovi spazi e renderli un po’ nostri. Sinceramente, ancora, ho la sensazione di trovarmi più in un albergo che nella mia casa, insomma, non è che non sia a mio agio, è solo che mi sembra di occupare spazi non miei ed ho quasi paura a toccare le cose, a prenderne realmente possesso, insomma, credo che ci vorrà un po’ di tempo, per ora diciamo che la stiamo studiando, in attesa di poterci finalmente rilassare e stravaccarci sul divano a leggere un buon libro, senza dover necessariamente trascorrere i weekend a pulire, montare librerie, appendere quadri e mensole. Io, ovviamente, non vedo l’ora di mettere alla prova la cucina nuova, che se ne sta lì, ancora intonsa e immacolata, in attesa che io tiri fuori pentole e scodelle e cominci a darmi da fare. Queste focaccette, invece, sono state preparate e consumate nella casa vecchia, poco prima di trasferirci: le focaccette, piatto tipico delle nostre parti, sono una sorta di tigelle emiliane che però non prevedono l’uso dello strutto. Si mangiano spesso d’estate, nelle sagre di paese, oppure in alcuni ristoranti che propongono cucina locale; in genere vengono cotti nei testi, ma sono molto buone anche cucinate nelle “tigelliere” di ghisa, sui fornelli di casa. Mia madre è una vera professionista in questo campo, io mi sono fatta dare la ricetta e mi sto esercitando. Tagliate e farcite con salumi e formaggi sono una vera golosità.

FOCACCETTEfocaccette4

x circa 24 focaccette:

- 400 g di farina 0

- 10 g di sale fino

- 25 g di lievito di birra

- 100 g di latte tiepido

- 150 g di acqua tiepida

- 1 cucchiaio di olio extra- vergine di oliva

- salumi vari e formaggi per farcire

Versare la farina nella spianatoia e disporla a fontana. Mettere il sale da un lato (per non farlo venire a contatto con il lievito). Fare sciogliere il panetto di lievito nel latte leggermente intiepidito. Versare al centro della fontana il latte con il lievito, l’acqua e l’olio extra-vergine di oliva ed iniziare ad impastare. Lavorare la pasta per una decina di minuti, fino a quando non sarà del tutto liscia, poi formare una palla e metterla in una ciotola; coprire con un canovaccio e fare lievitare per un paio d’ore. Trascorso questo tempo riprendere la pasta, stenderla con un mattarello realizzando una sfoglia alta circa 1/2 cm e, con un bicchiere o con un coppa-pasta ritagliare le focaccette. Sistemarle ad una ad una su una spianatoia infarinata, distanziandole un po’ tra di loro e proseguire fino a terminare tutta la pasta. Lasciare riposare le focaccette per un’altra oretta circa. Infine prendere la tigelliera e farla scaldare bene sul fuoco, poi cominciare a cuocere le focaccette dentro la tigelliera, rigirandole a metà cottura. Una volta pronte, servirle ancora calde ed accompagnarle con salumi e formaggi freschi.

focaccette5

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Previous Post
Leave a comment

2 Comments

  1. Come ti capisco, ogni trasloco anche per me è una stretta al cuore, poi però piano piano la casa nuova prende il posticino di quella vecchia e sembra che sia stata sempre la tua, e al massimo ogni tanto si può passare dalla stradina della vecchia casa e salutarla di nascosto….
    Queste focaccette mi ispirano davvero tantissimo, ne mangerei a vagonate probabilmente.
    Un abbraccio e alla prossima pirottinata

    Rispondi
  2. Quest’anno scriverò una bella letterina a Santa Claus… chissà se arriverà la tigelliera sotto l’albero di Natale.
    Complimenti, son davvero molto carine, e sicuramente anche molto saporite :)
    A presto…

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>