Cake all’avena con semi di girasole

Da quando, lo scorso maggio, ho cambiato casa e quartiere un po’ delle mie abitudini bolognesi sono cambiate: ho fatto un po’ di sana pulizia tra le mie vecchie cose, buttando innumerevoli sacchi di oggetti tra i più svariati che appartenevano alla preistoria della mia vita, ho imparata a dosare meglio i miei spazi vitali (vivendo in una casa più piccola, giocoforza mi sono dovuta adeguare…), ho cambiato il mio alimetari di fiducia, l’edicolante e il benzinaio, ma ho anche scoperto luoghi che prima ignoravo e un quartiere per me tutto nuovo, che brulica di vita e di multiculturalità. Mentre prima dovevo prendere la macchina per fare qualunque tipo di commissione, ora mi muovo di più a piedi, percorrendo strade alternative ed ogni volta scopro un negozietto etnico, un ristorantino che non avevo mai notato prima, una vetrina piena di cose interessanti, insomma, vivo ancora in quella fase di stupore di chi ancora si sta ambientando e non ha smesso di guardarsi attorno. Un altro aspetto positivo della mia nuova collocazione sta nel fatto che tutti i giorni, rientrando a casa dal lavoro, mi trovo a passare davanti al NaturaSì, e così, almeno due/tre volte al mese mi fermo a fare un po’ di spesa bio (prima, quando dovevo andarci apposta, deviando notevolmente dalla tragitto verso casa, riuscivo ad andare sì e no due volte l’anno, chiamatela pigrizia la mia…non avete tutti i torti!!). Così ora ho la dispensa piena di semini vari, farine di tutti i tipi, cereali, marmellate e tisane, tutte rigorosamente bio, senza contare le creme e i detergenti per la pelle che hanno riempito le mensole del mio bagno. E se ora la sera mi strucco con più soddisfazione (anche i dischetti di cotone provengono dal NaturaSì, mica si possono fare le cose a metà, no??), anche in cucina mi cimento in esperiementi più o meno arditi, visto che ormai ho stipato talmente tanto gli scaffali in cucina (ve l’ho detto, no, che ho la casa piccola!) che devo assolutamente consumare qualche prodotto.

Questo cake, nasce in realtà dall’acquisto di un tè che non vedevo l’ora di provare e, visto che mi ero ripromessa di prepararlo per berlo a colazione, ho pensato di gustarmelo con un dolcetto, che però non avesse troppi grassi. Il pacco di farina integrale di avena ancora integro è finalmente stato aperto ed utilizzato, e dentro all’impasto c’è finito anche un barattolo di yogurt bianco che rischiava di essere dimenticato in frigorifero; sopra, infine, una manciata di semi di girasole che avevo comprato ormai da quasi tre mesi. Il risultato? un cake dal sapore deciso e particolare, sicuramente meno dolce rispetto a quelli più tradizionali, il lievito di birra gli ha donato una consistenza più da pane dolce, ma devo dire che è stato spazzolato tutto e non ci sono state lamentele. Ah, provate a spalmarne una fetta con una bella cucchiaiata di marmellata ;-)

CAKE ALL’AVENA CON SEMI DI GIRASOLE

– 150 g di farina integrale di avena

– 200 g di farina di riso

– 100 g di latte

– 125 g di yogurt bianco cremoso

– 5 cucchiai di zucchero di canna

– 1 panetto di lievito di birra

– 2 uova + 1 tuorlo

– 1 cucchiaio di semi di girasole

 

 

Fare intiepidire il latte e sciogliere dentro il lievito. Miscelare le due farine e versarle in una ciotola capiente, disponendole a fontana. Versare al centro le due uova intere, lo yogurt, il latte con il lievito e lo zucchero ed impastare, prima con le mani, poi con l’aiuto di una forchetta, fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio. Versare il composto in uno stampo da plumcake e fare lievitare per un’oretta. A questo punto il composto dovrebbe essere raddoppiato di volume. Spennellare la superficie con il tuorlo allungato con un pochino d’acqua e distribuire sopra i semi di girasole. Infornare in forno caldo a 180° per circa 40 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare sulla griglia.   

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Previous Post
Leave a comment

7 Comments

  1. qui ti metto 3 w: w il tuo/mio quartiere, w la spesa bio e…w le cake! è sempre tempo di cake:)

    Rispondi
  2. In un paese ammazzato dai centri commerciali è fantastico quando ti ritrovi in un micro-mondo fatto di piccole realtà dove impari a conoscere il negoziante piuttosto che il ristoratore o l’edicolante, una dimensione assolutamente unica! La farina all’avena non l’ho mai provata, in effetti avevo pensato ad un pane ma la tua versione dolce mi pare un’ottima alternativa. Ciao cara, buon weekend :-D

    Rispondi
  3. i semi di girasole mi piacciono in un modo incredibile!! Li metto anche nell’insalata o li mangio da soli… In un cake non ho mai provato, mi segno la tua ricetta!

    Rispondi
  4. Il NaturaSì è una vera tentazione, quando ci entro esco con ogni ben di Dio! Delizioso il tuo cake, è venuto splendido a dispetto delle farine gluten free. Sarei curiosissima di assaggiarne una fetta con una bella tazza di tè. Un bacio, buona settimana

    Rispondi
  5. La tua introduzione mi ha fatto riflettere sul fatto che io vivo e lavoro vicino ai seguenti punti vendita: la Lidl; la Stefan; una gastronomia con una media di tre clienti al giorno e un bancone in cui c’è uno scarsissimo ricambio merci; un edicola dove non puoi entrare con il cane, ma nemmeno con l’ombrello (devi lasciarlo fuori, ma non c’è il portaombrelli); il parcheggio dei taxi.
    Cioddetto, il cake ha un aspetto favoloso e decisamente sano!

    Rispondi
  6. NB: scusa, dimenticavo: certo che puoi usare il pesce al posto del ciauscolo nella pasta con la rucola! Anzi, secondo me viene anche meglio!

    Rispondi
  7. Mi piace davvero molto questo cake! Leggero salutare e sopratutto io adoro avena e semini quindi per me è davvero perfetto! complimenti!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi