Clafoutis aux cerises

clafoutiscerises2

In genere, quando decido di provare a riprodurre un piatto tipico di qualche paese straniero, piuttosto che azzardare delle varianti o provare a sperimentare modifiche di qualunque tipo, preferisco di gran lunga attenermi alla versione tradizionale della ricetta, un po’ perché mi piace imparare dalla tradizione dura e pura, un po’ perché vorrei che questo blog fosse, tra le altre cose, una sorta di compendio della cucina internazionale più tradizionale, con le ricette il più possibile vicine a quelle originali. Per questo motivo mi piace molto documentarmi e studiare la storia gastronomica degli altri paesi, andare alla ricerca delle origini di un piatto, cercare notizie circa la sua provenienza, i suoi ingredienti di base, il procedimento più classico per realizzarlo. Così quest’anno, quando il mio albero di ciliegie si è riempito di splendidi frutti rossi e dolcissimi, ho deciso che era giunto il momento di provare a realizzare un clafoutis, dolce tradizionale francese, di origine contadina, tipico del Limousin, una torta a base di frutta, in questo caso ciliegie, cotta in forno in una pastella che ricorda quella delle crêpes. Andando a spulciare su vecchi libri e navigando su alcuni blog francesi che frequento di solito, mi sono resa conto che la ricetta tradizionale del clafoutis prevede che le ciliegie vengano semplicemente pulite e messe nella tortiera intere, con tutto il nocciolo; questo perché i noccioli conferirebbero alla torta un aroma ancora più deciso e particolare. Ecco, qui, per una volta, mi sono leggermente discostata dalla ricetta originale, perché io le ciliegie le ho tutte snocciolate, dovevo offrire la torta a degli amici e non volevano che rischiassero un molare per il mio integralismo culinario. Ovviamente, se deciderete di provare a realizzare questa torta seguendo passo passo i dettami della tradizione, sappiate che si prepara davvero in un minuto; la parte più brigosa è, infatti, snocciolare una per una le ciliegie, per il resto zero difficoltà e tanta tanta bontà.

P.S. Alla fine, come prevedevo, non ho saputo resistere alla tentazione di mangiare le mie ciliegie raccogliendole direttamente dall’albero e, dato che una tira l’altra praticamente le ho finite tutte in questo modo, nel giro di pochi giorni; ne è rimasta giusto una manciata che potete vedere nella foto qui sotto e così, per il clafoutis, sono dovuta andarle a comprare al mercato contadino vicino casa ;-)

CLAFOUTIS AUX CERISESclafoutiscerises1

– 2 uova

– 120 g di zucchero di canna

– 100 g di farina 00

– 300 ml di latte

– 1 pizzico di sale

– 500 g di ciliegie

– burro per imburrare la tortiera

Lavare bene le ciliegie e snocciolarle, cercando di eliminare il nocciolo e mantenendo il più possibile integro il frutto (ovviamente, se deciderete di utilizzare le ciliegie intere questa operazione potrà essere omessa). Rompere le uova intere in una ciotola, unire lo zucchero ed iniziare a mescolare con una frusta; quando il composto sarà ben amalgamato, aggiungere, a poco a poco la farina, continuando a mescolare per evitare i grumi, poi unire il latte, fino ad ottenere un composto liquido e senza grumi. Imburrare una tortiera, riempirla con le ciliegie e versarvi sopra l’impasto, poi mettere in forno a 200° per circa 30 minuti. Il dolce può essere servito tiepido oppure freddo (in questo caso lasciarlo in frigo per un paio d’ore).

clafoutiscerises3

letempsdescerises

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

2 Comments

  1. Ivana

     /  16 luglio 2014

    mamma mia Carmen…che meravigliaaaaaaaaaaaaa!!!!

    Rispondi
  2. Mahee Ferlini

     /  9 marzo 2016

    Buonissima!!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi