I felafel…al forno

Adoro quando la cucina si riempie di profumi di spezie, profumi caldi e avvolgenti che dal forno si propagano per tutta la casa. Oggi, complice la bella giornata di sole, limpida, ma non particolarmente afosa che mi ha permesso di accendere il forno senza rischare lo svenimento, ho deciso di prepararmi i felafel, piatto che mi concedo quando ho voglia di un pranzetto sfizioso, leggero, che fa tanto etnico. Per avere sempre il coriandolo a portata di mano, dato che è un ingrediente direi fondamentale per la buona riuscita della ricetta, avevo comprato, un paio di mesi fa una bella piantina che faceva bella mostra di se’ sul davanzale della cucina e che, in poco tempo, era cresciuta talmente tanto che già fantasticavo di intere piantagioni di coriandolo da sistemare sul davanzale. Purtroppo delle bestioline malefiche hanno infestato la mia piantina che, prima ha iniziato ad ingiallire a vista d’occhio, poi si è ripiegata su se stessa e non si è più ripresa :-( Perciò, il coriandolo che ho utilizzato oggi proviene direttamente dal banco frigo del supermercato.

La ricetta l’ho trovata tempo fa sul web, ma in realtà non ci sono dosi precise, il bello è proprio quello di variare le proporzioni degli ingredienti, seguendo l’ispirazione del momento e facendo prevalere di volta in volta l’aroma del cumino piuttosto che quello del coriandolo o quello più forte della cipolla. Invece che friggere queste piccole polpettine io preferisco farle cuocere in forno, sono più leggere e questo mi permette di mangiarne di più senza troppi sensi di colpa. Risultato? delle piccole pepite dorate, croccanti fuori e delicate all’interno che sprigionano intensi profumi di terre lontane (o del chioschetto che vende kebab sotto casa!).

 

FELAFEL

– 2o0 g ceci secchi

– 2 spicchi d’aglio

– 1 cipolla

– prezzemolo

– coriandolo fresco

– cumino in polvere

– sale

– pepe

Mettere i ceci in una ciotola, ricoprirli abbondantemente di acqua e lasciare a riposo per almeno 24 ore. Trascorso il tempo, scolare i ceci e trasferirli nel mixer, frullarli alla massima velocità, devono essere ridotti in poltiglia. Aggiungere a mano a mano tutti gli altri ingredienti (le quantità variano a seconda dei gusti personali), fino ad ottenere un composto sodo e umido. Trasferire il tutto in una ciotola, coprire con della pellicola trasparente e mettere a riposo in frigorifero per circa 30 minuti. Riprendere il composto e realizzare delle piccole polpette rotonde lavorandole con le mani. Sistemarle in una teglia e infornare per circa 40 minuti a 200°.

Io le ho servite accompagnandole con una fresca salsa tzatziki.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

9 Comments

  1. Che buoni i felafel al forno ^_^ se tu fai fatica a trovare la pasta fillo per me invece è impossibile reperire il coriandolo, quando domando ai negozianti se ce l’hanno mi guardano come se stessi chiedendo una fetta di luna!

    Rispondi
    • Camy

       /  21 giugno 2011

      E’ vero, il coriandolo si trova a fatica, proprio per questo avevo deciso di acquistare direttamente la piantina, per poterlo avere sempre a disposizione, ma mi è andata male, non ho quel che si dice il pollice verde… Comunque io a Bologna lo trovo sempre alla PAM, insieme alle erbe aromatiche confezionate fresche.

      Rispondi
  2. Che bella ricettina, io sono appassionata di erbe, spezie e profumi, ma il coriandolo proprio mi manca….proverò a cercare la piantina per ingrandire il mio angolo dedicato alle erbe aromatiche. In bocca al lupo per l’avventura nel mondo dei blog….da oggi ti seguirò!!!!

    Rispondi
  3. Ho giusto messo a mollo dei ceci… telepatia?!
    Mi manca solo il coriandolo fresco…
    Bacioni

    Rispondi
  4. grazie mille per la ricetta! una scusa in più per non farli fritti! mi hanno sempre ispirato e penso proprio che proverò la tua ricetta!

    Rispondi
  5. Li ho fatti! ma senza coriandolo… sono rimasti molto asciutti e non si sono dorati nìbene come i tuoi però il sapore era quello dei falafel, grazie per la ricettina… a presto

    Rispondi
    • Camy

       /  1 luglio 2011

      Grazie Marina, per aver provato la ricetta! In effetti, rispetto alla versione fritta, risultano un pochino più asciutti, per questo io adoro mangiarli con la salsa tzatziki che li inumidisce un po’!
      A presto
      Camy

      Rispondi
  6. lorenza

     /  29 febbraio 2012

    Ciao Carmen, anch’io ho provato la tua ricetta, adoro i falafel e questa versione al forno mi permette di cucinarli più spesso senza sentirmi troppo in colpa… comunque ho provato ad aggiungere un cucchiaino di olio dopo che il composto è rimasto in frigo a riposare… un po’ ha funzionato. Prossimo week end provo il pane di farina di castagne e mandorle… :-)

    Rispondi
  1. Falafel | Cucinando con Mamma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi