Torta di mele e cocco

tortamelecocco1

In realtà la voglia di scrivere, oggi, non è molta, preferirei fare altro, magari essere altrove. Ma ho deciso di scrivere lo stesso, perché credo nel potere salvifico della scrittura, come mi direbbe la mia amica Blue, e perché credo anche che sia un antidoto scaccia-malinconia, chissà se funzionerà. E allora vi propongo un dolce, di quelli confortanti che ogni tanto fa proprio bene concedersi, con dentro la dolcezza delle mele (che poi io adoooooro i dolci con le mele dentro) e quel pizzico di esotico che regala il cocco. Un dolce che faccio spesso e che non mi stanca mai e che per questo volevo condividere con voi. La ricetta arriva direttamente da un ricettario di dolci di mia madre che sarà degli anni Novanta o giù di lì; ormai è tutto sgualcito, ma io, tra quelle pagine, trovo ancora ispirazione e tante, tantissime idee, tant’è che il libro ora ha trovato posto sulla mensola della mia cucina (ma non ti preoccupare, mamma, prima o poi te lo restituisco).

TORTA DI MELE E COCCOtortamelecocco4

– 225 g di farina 00

– 112 g di burro a temperatura ambiente

– 135 g di zucchero semolato

– 4 uova

– 150 ml di latte

– 240 g di farina di cocco

– 1 bustina di lievito per dolci

– 2 mele

– cannella in polvere

– noce moscata

– sale

Con uno sbattitore elettrico montare 120 g di zucchero con il burro in modo da ottenere un composto spumoso. Aggiungere a poco a poco la farina e, sempre mescolando, il latte, le uova intere uno per volta, un pizzico di sale, il lievito, 200 g di farina di cocco, una grattugiata di noce moscata e mezzo cucchiaino di cannella. Imburrare ed infarinare uno stampo a cerniera e versarvi il composto, poi sbucciare le mele, tagliarle a fettine sottili e sistemarle l’una accanto all’altra sulla superficie, andando a formare una corona. Mescolare insieme lo zucchero e il cocco restanti con mezzo cucchiaino di cannella e distribuirlo sulle mele, poi infornare a 180° per 40 minuti circa. Sfornare il dolce e lasciarlo raffreddare su una griglia prima di servirlo.

tortamelecocco3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

2 Comments

  1. Vero, esiste un potere salvifico della scrittura, aiuta a scacciare fuori i mali interiori e li lascia sul foglio sotto forma di parole profonde.
    La torta è proprio di quelle della mamma: soffice, morbida, delicata, immagino profumata.
    Un abbraccio
    Marilù

    Rispondi
  2. Camy

     /  25 gennaio 2015

    Grazie Marilù, so che tu capisci benissimo di cosa parlo. :-)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi